Categoria: news

Corso Fad Abbandono Zero

Percorso completo sull’affido familiare e l’accoglienza in comunità

Con l’obiettivo di offrire un percorso formativo completo sulla tutela del diritto di bambini e ragazzi a crescere in famiglia il Centro Studi e Formazione ha lanciato, a partire dal 1° settembre una SUPER OFFERTA per l’acquisto del corso FAD “ABBANDONO ZERO”, un percorso completo sull’affido familiare e l’accoglienza in comunità.


“ESSERCI”

Dopo la pausa estiva c’è il tempo della ripresa di tutte le attività.

Il Progetto Famiglia Affido in questi giorni ha ripreso il percorso introduttivo all’affido familiare con due gruppi di famiglie, ovvero “Campane e Molisane” e “Extra-Campane”.


Una famiglia aperta al prossimo

Oggi vi raccontiamo la testimonianza di Gennaro e Annamaria, una coppia di Striano che ha quattro figli e tanto desiderio di donare amore, anzi come dice Annamaria loro sentono il desiderio d riempirsi dell’amore dell’altro, perché per loro ogni esperienza è un grande dono del Signore.


FESTA DI CARNEVALE

Lunedì 28 febbraio nel salone dell’Oasi Maria Madre della Provvidenza a Pompei i nostri operatori insieme ai volontari hanno organizzato una feta di Carnevale per far divertire i bambini accolti, i figli dei custodi e i bambini che partecipano al laboratorio ludico-creativo. E’ stato un bellissimo pomeriggio trascorso tra tanti giochi, lavoretti e risate. Tante belle mascherine colorate che hanno contribuito a creare il clima di festa e di allegria.


Una piacevole serata al bowling

Mercoledì 16 febbraio le famiglie volontarie dell’Associazione Progetto Famiglia Affido sono state al bowling a Scafati con i ragazzi che stanno accompagnando in questo bel percorso di vicinanza dal quale stanno nascendo tanti legami positivi.


Affido, Sos delle famiglie: «Senza aiuti è impossibile»

Questo è il titolo dell’articolo pubblicato domenica 13 febbraio su Avvenire.

Il pensiero di alcune tra le figure più significative che da nord a sud dell’Italia hanno a cuore le sorti di chi vive in una famiglia affidataria o in una casa-famiglia è che non serve mettere una pezza quando ormai è tardi, né al bambino né alla famiglia d’origine, dove difficilmente rientrerà se la situazione è troppo compromessa.


AUGURI AL PICCOLO CATELLO

Sabato 6 novembre alle ore 17:30 nella chiesa di Costantinopoli ad Angri è stato celebrato il battesimo del piccolo Catello figlio di una famiglia che accompagniamo con il gruppo di famiglie affidatarie dell’agro. Dopo il rito del Battesimo la famiglia si è trasferita presso il salone Giovanni Paolo II alla Cittadella della Carità dove tutti gli amici del Progetto Famiglia Affido con cui questa famiglia sta condividendo un bel percorso di affiancamento e socializzazione per i figli più grandi hanno preparato un momento di festa per il piccolo Catello.


GLI INCONTRI CHE FANNO BENE

Martedì 26 ottobre alle ore 20:00 nel salone dell’Oasi Maria Madre della Provvidenza a Pompei c’è stato il primo incontro in presenza delle famiglie di Progetto Famiglia Affido. E’ stato un incontro di condivisione delle esperienze delle famiglie che stanno facendo esperienza di affiancamento a bambini e a ragazzi in difficoltà.


SI DA’ SPAZIO ALLA CREATIVITA’

I bambini che frequentano il laboratorio all’Oasi Maria della Provvidenza a Pompei si stanno concentrando in modo particolare sulle attività creative e manuali. Nel corso degli incontri hanno elaborato e creato molti lavoretti sul tema dell’autunno. Nella giornata di ieri, lunedì 25 ottobre, nella prossimità della festività di tutti i Santi hanno colorato, ritagliato e poi ricomposto il puzzle di Gesù con i bambini di tutto il mondo.


SQUADRA VINCENTE NON SI CAMBIA

Sabato 16 ottobre le famiglie affidatarie e solidali dell’Associazione Progetto Famiglia Affido si sono date appuntamento a Pompei presso il campetto di calcio della parrocchia Santissimo Salvatore. Insieme ai bambini si sono cimentati in una divertente partita di calcio, è stato davvero molto bello trascorrere un’ora in spensieratezza, sia per i piccoli che per i grandi. La voglia di vincere c’era in entrambe le formazioni, ma nessuno di loro ha pensato al risultato, perché la cosa importante per tutti è stata quella di divertirsi.